Registrati | Collegati

Tachigrafi Analogici

On 10 gennaio 2013

ktco_1318[1]Il cronotachigrafo è un componente della strumentazione di bordo dei veicoli commerciali ed industriali. Il dispositivo viene installato obbligatoriamente sui veicoli adibiti al trasporto di cose di peso complessivo superiore alle 3,5 tonnellate (autocarri, autotreni, autoarticolati), e su veicoli adibiti al trasporto di passeggeri (Autobus, autosnodati) con numero di persone, compreso il conducente, superiore a nove.
Il tachigrafo analogico é un dispositivo che incide i dati su dischi di carta. Un disco puó contenere dati per un massimo di 24 ore. Registra su dischi tachigrafo una serie di dati, tra cui velocità, distanza percorsa, tempi di guida, tempi di lavoro e pause, oltre alla registrazione (opzionale) del regime di rotazione del motore.
ftco_1319[1]Velocità e regime di rotazione del motore (opzionale) sono visualizzati in modalità analogica.
Registrazione automatica dei tempi di guida.
I cronotachigrafi analogici possono essere:

  • -meccanico . Nei dispositivi a trasmissione meccanica, ormai praticamente in disuso, il collegamento tra presa di forza e cronotachigrafo è realizzato mediante un cavo metallico di trasmissione libero di ruotare all’interno di una guaina.
  • - elettronico Nei dispositivi a trasmissione elettronica non sono presenti cavi di trasmissione del moto dalla presa di forza al cronotachigrafo, ma è utilizzato un sistema di trasmissione di impulsi elettrici che consente il movimento delle puntine scriventi: il segnale diretto al cronotachigrafo è trasmesso, tramite un cavo elettrico, da un trasmettitore posto sulla presa di forza del cambio.

Comments are closed.